ArticoliWordpress

Google e il Certificato SSL: nuove norme per una navigazione più sicura

By 12 giugno 2018 No Comments
alesia-kazantceva-283288-unsplash

Google ha da poco dichiarato che, con il recente aggiornamento alla versione n°68 di Google Chrome, dal prossimo luglio tutti i siti HTTP verranno considerati come siti non sicuri, mentre quelli sicuri saranno contrassegnati dal protocollo HTTPS. Che cosa significa questo e quali saranno i reali cambiamenti e le effettive conseguenze per i proprietari di un sito internet?  Procediamo per gradi.

Innanzitutto è bene chiarire che qualsiasi tipo di sito web, sia esso appartenente a un privato o a un qualunque tipo di azienda come per esempio Ventisette Digital, dovrà dotarsi di un Certificato SSL.

Che cos’è il Certificato SSL di Google Chrome?

Il Certificato SSL è un certificato di sicurezza che autorizza tutte le comunicazioni e le informazioni da un determinato sito web ad un altro attraverso una dicitura criptata. Questo rende i siti molto più sicuri e permette anche una maggior salvaguardia dei propri dati personali. Il possesso del certificato da parte dei relativi Webmaster farà in modo che, accanto all’indirizzo del sito, compaia la dicitura di protocollo criptato HTTPS.

Come spiegato molto bene dal sito webhouseit sarà possibile distinguere un sito a norma da uno che non lo è grazie allo stesso browser di Google Chrome, il quale mostrerà accanto all’URL un lucchetto verde in caso di sito sicuro oppure una (i) cerchiata, in caso contrario.

E le conseguenze?

Come posso ottenere il certificato? Il sito support di Google spiega tutto nel dettaglio e ci dice che:

“Il certificato viene emesso da un’autorità di certificazione (CA), che adotta misure per verificare che il tuo indirizzo web appartenga effettivamente alla tua organizzazione, proteggendo così i tuoi clienti da attacchi man-in-the-middle”.

Ci viene suggerito quindi di fare riferimento ad una specifica autorità che possa garantirci attendibilità e assistenza tecnica.

Non dimentichiamo, inoltre, che il prefisso HTTPS andrà ad incidere in maniera significativa sul ranking delle nostre pagine web. Esso permetterà una maggior ottimizzazione delle stesse, dando quindi loro una maggior visibilità.

E allora cosa aspettate? Non rischiate di perdere credibilità e clienti, rendete i vostri siti più sicuri e meglio posizionati!

Parola di Ventisette!

Se vi è piaciuto il nostro articolo potete seguirci nella nostra sezione blog.